Current track

Title

Artist


Vergato: avvio comitato di monitoraggio ospedaliero

Written by on Maggio 23, 2018

E’ pronto il comitato di monitoraggio del piano di riordino ospedaliero, preannunciato durante la riunione comunale di Vergato del 10 maggio. Quest’ultimo è volto a controllare le azioni attuative, inerenti sopratutto al presidio ospedaliero e alla casa della salute di Vergato. Il primo appuntamento è fissato per il prossimo 7 giugno 2018 presso la sede municipale di Vergato. Ne faranno parte i quattro primi cittadini più direttamente implicati: Massimo Gnudi (Vergato), Romano Franchi (Marzabotto), Salvatore Argentieri (Castel d’Aiano) e Graziella Leoni (Grizzana Morandi). Inoltre, ci saranno tre membri della giunta comunale di Vergato, tre consiglieri di minoranza del consiglio comunale vergatese, tre membri del Comitato “Noi Voi Vergato”, due membri dell’Associazione Onlus per la vita e tre membri delle associazioni sindacali (CGIL, CISL e UIL).

Come riporta Reno news, l’inizio è stato dato da un decreto del sindaco Massimo Gnudi. Quest’ultimo ha precisato come “il progetto di riordino ospedaliero si evolverà in tre anni, pertanto occorrerò sorvegliare anche i piani operativi del 2008, 2019 e 2020 con idonei investimenti di personale, di attrezzature e strutture. Tale associazione promuoverà periodici incontri con i dirigenti del Distretto dell’Appennino Bolognese e della Conferenza Territoriale e Sociale e Sanitaria metropolitana, per controllare lo stato di sviluppo del piano e degli interventi programmati. Vogliamo assicurare la massima partecipazione e moralità in ambito della realizzazione del Piano di riordino. Tutti i documenti di questi appuntamenti saranno resi pubblici”.

Le tematiche sulle quali il comitato dovrà impegnarsi saranno quelle già apparse nei precedenti appuntamenti pubblici. Come ad esempio, il mantenimento delle attività operatorie di chirurgia ortopedica e chirurgia generale ambulatoriale, detta anche di day surgery per la cura di varie malattie. Il comitato dovrà monitorare che l’attuazione della nuova zona ortopedica presso il nasocomio di Porretta sia eseguita in tempi e in modi tali da assicurare il contemporaneo mantenimento delle mansioni operatorie ambulatoriali e in day surgery presso il nasocomio di Vergato.

Il rafforzamento dei servizi specialistici uniti all’attività della Casa della Salute e i servizi diagnostici; l’attuazione del Centro di riabilitazione a valenza territoriale a Vergato; il mantenimento del pronto soccorso, che dovrà essere capace di rispondere a tutti  i pericoli sia medici che accidentali, anche attraverso l’attribuzione di personale specializzato nella medicina d’urgenza.

Lo spazio di medicina interna dovrà essere migliorato. Infatti, l’attuale edificio semplice dovrà divenire un edificio semplice dipartimentale, capace di coordinare i pazienti in fase acuta tramite servizi di pronto soccorso, esami brevi, lunghe ospedalizzazioni e l’attivazione delle terapie intermedie.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *