IN ONDA

Radio Fresh

Traccia corrente

Titolo

Artista


Monzuno: Porta un amico in biblioteca

Scritto da il 7 Febbraio, 2020

Il Comune di Monzuno dispone di ben due biblioteche sul suo territorio: la prima è la Mario Marri di Monzuno, la seconda è la Giorgio Celli di Vado.

Il vicesindaco e assessore alla cultura Ermanno Pavesi ha deciso di lanciare un’iniziativa per promuovere la lettura e la frequentazione della biblioteca.
I primi 30 iscritti che nel periodo dal 17 febbraio all’8 aprile porteranno ad iscriversi un amico ai servizi bibliotecari, riceveranno in omaggio un abbonamento alla rivista Savena Setta Sambro.
Con l’occasione, il Comune ha anche intenzione di dare il via ad una newsletter per gli iscritti alle biblioteche.

Il direttore della rivista Daniele Ravaglia, ha commentato:

“Plaudo a questa iniziativa che oltre a darsi l’obiettivo di portare sempre più persone in biblioteca, permette ai cittadini di conoscere meglio il territorio in cui si vive.
La rivista che verrà offerta in omaggio, infatti, tratta i temi della storia, delle tradizioni della nostra gente con un focus particolare sull’ambiente e sulla tutela di esso.
Mi auguro che altre amministrazioni, degli otto comuni dove operiamo, seguano l’esempio”.

Le biblioteche di Monzuno

Il patrimonio bibliotecario complessivo monzunese è di 15 mila volumi a Vado e di 22 mila volumi a Monzuno, che ha anche oltre 750 dvd a disposizione dei cittadini.

Le due biblioteche hanno anche uno spazio per l’ascolto della musica e per la visione di film e postazioni per navigare su internet.
A Monzuno, per chi utilizza computer portatili o smartphone, sono stati installati dei ripetitori Wi-Fi che offrono la connessione gratuita.

La “Mario Marri” e la “Giorgio Celli” sono attive soprattutto nelle attività rivolte ai più giovani.
A Vado nel 2018 c’erano 199 iscritti minorenni e 31 adulti. Sono stati effettuati 1519 prestiti di cui il 92% erano libri per ragazzi.
Per quanto riguarda Monzuno i minori iscritti erano 187 e gli adulti 253, i prestiti sono stati 2018 di cui il 66% erano libri per ragazzi.

Fonte: Unione dei Comuni dell’Appennino bolognese


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *