Altro

Vado: Nasce una “ciappineria” di comunità ospitata dai laboratori scolastici

Vado: Nasce una “ciappineria” di comunità ospitata dai laboratori scolastici

“La ciappineria”  è così che si chiama il nuovo servizio a Vado di Monzuno, pensato dall’Auser Bologna con la collaborazione del Comune di Monzuno.
Il “ciappino” in dialetto bolognese è un piccolo lavoro, quasi sempre di natura manuale.

Il servizio sarà attivo tutti i mercoledì presso la scuola secondaria di Vado, dalle 15 alle 17, dove un artigiano volontario utilizzerà le strumentazioni di cui la scuola dispone, ed è pensato per tutti i cittadini che hanno bisogno di effettuare piccole riparazioni o interventi di falegnameria.
I laboratori richiedono un’offerta libera, e il ricavato andrà a finanziare le attività del laboratorio.

All’origine del progetto c’è un bando proposto alcuni mesi fa dal Comune di Monzuno, che metteva a disposizione 1500€ per pregetti delle associazioni di volontariato operanti negli ambiti culturale, turistico, sociale, ambientale.
Il bando è stato vinto dall’Auser Bologna, che in collaborazione con l’associazione Arci-Baldo, il Centro Sociale di Vado, l’Istituto comprensivo Vado-Monzuno ha proposto e realizzato “La ciappineria”.

Le associazioni hanno voluto realizzare il progetto non solo per fornire un servizio di piccole riparazioni, ma anche per favorire l’incontro tra artigiani in pensione e giovani appassionati del mestiere.
Inoltre i ragazzi potranno imparare le metodologie del problem solving e del problem posing, di scoprire le leggi e le regole che permettono di imparare facendo.

L’iniziativa è stata promossa dall’assessore alla scuola del Comune di Monzuno Lucia Dallolio che spiega: «Abbiamo fortemente voluto questo bando per l’assegnazione di contributi economici a sostegno di iniziative a favore della collettività, perché queste piccole iniziative possono attuare il principio di sussidiarietà e migliorano la vita di comunità».

 

 

Fonte: Unione dei Comuni

Miriana Degli Esposti

dicembre 11th, 2018

One comment

One Comment

  1. Alessandra Pizzi says:

    Dietro questo progetto c’è un uomo che silenziosamente dona tempo cuore esperienza da una ventina d’anni con amore ai ragazzi e alla comunità. Io lo onoro ricordando il suo nome perché oltre essere mio Padre è un grande, grandissimo Uomo e Maestro,è Giuliano Pizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *