Current track

Title

Artist


Canile Savena: La campagna per ridurre le rinunce ai cani

Written by on Giugno 17, 2019

È sempre più frequente che i padroni di cani rinuncino ai propri amici a quattro zampe consegnandoli al canile.
Spesso, alla base di questo comportamento c’è un’adozione scarsamente responsabile.
La campagna dei gestori del Canile Intercomunale Savena di Loiano, denunciano il fatto che negli ultimi anni hanno visto crescere questo fenomeno, ed hanno deciso di avviare una campagna di sensibilizzazione sui social network, attraverso post ed immagini.

Istruttori e operatori del Canile Savena

Nel corso dello scorso anno, il Canile Savena ha accolto 57 cani: 8 rinunce di proprietà, 12 ritrovamenti di cani vaganti con microchip, 33 ritrovamenti di cani senza microchip. I restanti cani erano custodie temporanee per problemi dei proprietari, inviate dai Comuni.
Le adozioni del 2018 sono state invece 48.

Nonostante le leggi, ancora troppi cani sono sprovvisti di microchip.
Se alcuni cani finiscono in canile perché si sono persi e quindi vengono riaffidati ai proprietari, molti purtroppo ci rimangono perché volutamente abbandonati.
Dall’inizio del 2019 sono già 7 le rinunce volontarie.

Il motivo più frequente per la rinuncia dell’animale è che si è rilevato inadatto al contesto nel quale erano stati introdotti perché malati, o perché provenienti da ambienti di deprivazione, o perché abituati a vivere all’aria aperta e non in famiglia.

«Spesso chi porta un cane al canile lo fa dopo qualche anno di difficoltà, magari dopo essersi rivolto a veterinari o educatori cinofili. I cani faticano ad ambientarsi, a integrarsi nel contesto familiare: e alla radice di questo comportamento ci sono due fenomeni. Da un lato il fatto che si adottano cuccioli troppo piccoli, quando non hanno ancora due mesi di vita» spiega Chiara Capri, responsabile del Canile Intercomunale Savena. «Ai cani manca così quindi l’educazione e l’imprinting che solo la madre può dare e che non riusciranno mai a recuperare da adulti. Dall’altro c’è il fatto che purtroppo c’è chi sceglie un cane da adottare per fotografia: ma non basta, gli animali prima di adottarli bisogna vederli, conoscerli, capirne il carattere».

La campagna avviata dal canile sottolinea quanto sia importante conoscere personalmente un animale che entrerà nella casa di chi lo adotta e ne condividerà la vita.
L’adozione deve essere consapevole, bisogna conoscere ogni aspetto del passato e del carattere del cane per questo bisogna rivolgersi a persone che lo conoscono.
L’unico percorso possibile è quindi quello di adottare un canine della propria zona, e non affidarsi a chi propone delle foto postandole sui social network, senza raccontare nei dettagli il passato e la provenienza.
Molti dei cani lasciati in canile, non a caso, provengono dal meridione: nella fretta di trovare una casa agli animali associazioni e volontari ,in buona fede, trascurano le procedure sulla verifica della compatibilità dei requisiti di chi chiede l’affido.

«Non siamo contrari a priori alle adozioni dei cani dal sud» continuano i gestori «cani che nella maggior parte dei casi vivono situazioni di drammaticità estrema o di invisibilità rispetto alla possibilità di essere adottati, ma siamo fermamente certi che è assolutamente necessario svolgere affidi consapevoli e responsabili. Chi dà in affido i cani è in primis artefice del destino di quell’animale».

Un altro punto importante su cui insistono i gestori del canile riguarda la separazione precoce dei cuccioli dalla madre.
Così facendo si possono causare problemi comportamentali così gravi da sconfinare anche nella patologia.
Un cucciolo che viene allontanato troppo presto dalla madre, non acquisisce quelle capacità comportamentali e comunicative che è possibile solo nel rapporto con la figura materna e la cucciolata.
Per garantire il loro corretto sviluppo psichico è fondamentale, previsto anche dalla legge, che i cuccioli rimangano con la mamma per almeno 60 giorni dalla nascita.

«“Il cane diventa cane” dai 30 ai 60 giorni di vita; in questo periodo infatti la mamma e la condivisione di dinamiche con la cucciolata, permette al cucciolo di acquisire competenze che sono fondamentali per il suo equilibrio futuro, per la capacità di sapersi relazionare in modo competente con il mondo con cui dovrà interfacciarsi, e per evitare patologie comportamentali» spiega la dottoressa Silvia Oberoi, referente istruzione cinofila Canile Intercomunale Savena. «La mamma insegna: l’inibizione del morso (se morde in modo eccessivo viene punito), l’autocontrollo (se gioca in modo troppo concitato con la mamma o con i fratelli, verrà bloccato o allontanato dalla figura materna), il rispetto delle regole (se il cucciolo si avvicina alla ciotola mentre la mamma sta mangiando viene sgridato). Se tutto ciò non avviene, avremo un cane adulto che potrà mostrarsi insicuro, non saprà gestire la sua emotività rimanendo solo, potrà avere vere e proprie patologie quali l’iperattività e l’ipersensibilità, problematiche sociopatiche o disturbo competitivo della relazione».

Il canile intercomunale Savena è gestito dalla Cooperativa di solidarietà sociale “Lo Scoiattolo Onlus”. È aperto al pubblico dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 13 e il sabato dalle 15 alle 17.
Chi vorrà adottare un cane avrà quindi tutto il tempo per conoscerlo di persona, visto che i gestori credono che «il canile debba essere un punto di riferimento importante per il cittadino, fulcro di servizi sulla cultura cinofila e sulla corretta relazione con il cane. Al Canile Savena si può avere l’opportunità di parlare con gli operatori del profilo del cane, conoscere i vari individui, sondare la compatibilità di entrambi, con l’aiuto di un veterinario».

Fonte: Unione dei Comuni dell’Appennino bolognese


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *